• banner_03.jpg
  • banner_04.jpg
  • banner_06.jpg
  • banner_01.jpg
  • banner_07.jpg
  • banner_02.jpg
  • banner_12.jpg
  • banner_05.jpg
  • banner_09.jpg
  • banner_10.jpg
  • banner_11.jpg
  • banner_08.jpg
 

Ricerca

La Divisione di Oncologia Pediatrica del Policlinico Gemelii di Roma è dotata di 4 laboratori per un totale di 150 mq completamente attrezzati per studi di biologia cellulare e molecolare. Per gli studi in vivo, la Divisione ha una stanza dedicata presso lo stabulario dell'Università Cattolica, dove gli animali da esperimento vengono seguiti da personale addetto.

L'attività di ricerca della Divisione ha come principale obiettivo quello di individuare terapie più avanzate per la cura dei tumori pediatrici. Questo obiettivo è perseguito attraverso studi preclinici e clinici di nuovi composti o di nuove combinazioni di composti antitumorali. Tali studi hanno un ruolo importante nel processo di selezione di nuovi farmaci soprattutto per l'oncologia pediatrica, dal momento che le compagnie farmaceutiche non hanno interesse a sviluppare farmaci per una patologia rara come i tumori pediatrici.
Nei suoi anni di attività, la Divisione ha svolto ricerche nell'ambito della farmacocinetica, del trattamento radiometabolico del neuroblastoma, e dei meccanismi di resistenza ai farmaci. Recentemente, l'attività di ricerca si è spostata sulla "target therapy", cioè su nuovi farmaci in grado di inibire selettivamente i meccanismi molecolari responsabili della proliferazione incontrollata delle cellule tumorali, risultando quindi meno tossici per le cellule normali.

Il Prof. Riccardo Riccardi, Primario della Divisione di Oncologia Pediatrica, e' responsabile della scelta e della gestione delle linee di ricerca.

Dott.ssa Tiziana Servidei
Dott.ssa Daniela Meco
Dott.ssa Angela Di Francesco
Dott.ssa Gabriella Cusano

Elenco delle pubblicazioni scientifiche prodotte negli ultimi 3 anni

1) "Chromosome 9q and 16q loss identified by genome-wide pooled-analysis are associated with tumor aggressiveness in patients with classic medulloblastoma".Coco S, Valdora F, Bonassi S, Scaruffi P, Stigliani S, Pfister S, Korshunov A, Remke M, Oberthuer A, Berthold F, Iolascon A, Servidei T, Riccardi R, Basso E, Tonini GP. OMICS: A Journal of Integrative Biology, in press.

2) Dual Inhibitor AEE788 Reduces Tumor Growth in Preclinical Models of Medulloblastoma. Meco D, Servidei T, Zannoni GF, Martinelli E, Prisco MG, de Waure C, Riccardi R. Transl Oncol. 2010 Oct 1;3(5):326-35.

3) Antitumor activity and pharmacokinetics of oral gimatecan on pediatric cancer xenografts. Zucchetti M, Meco D, Di Francesco AM, Servidei T, Patriarca V, Cusano G, D'Incalci M, Forestieri D, Pisano C, Riccardi R. Cancer Chemother Pharmacol. 2010 Sep;66(4):635-41.

4) Antitumor effect in medulloblastoma cells by gefitinib: Ectopic HER2 overexpression enhances gefitinib effects in vivo. Meco D, Servidei T, Riccardi A, Ferlini C, Cusano G, Zannoni GF, Giangaspero F, Riccardi R. Neuro Oncol. 2009 Jun;11(3):250-9.

5) MicroRNA profiling in human medulloblastoma.Ferretti E, De Smaele E, Po A, Di Marcotullio L, Tosi E, Espinola MS, Di Rocco C, Riccardi R, Giangaspero F, Farcomeni A, Nofroni I, Laneve P, Gioia U, Caffarelli E, Bozzoni I, Screpanti I, Gulino A. Int J Cancer. 2009Feb 1;124(3):568-77.

6) Chemoresistant tumor cell lines display altered epidermal growth factor receptor and HER3 signaling and enhanced sensitivity to gefitinib. Servidei T, Riccardi A, Mozzetti S, Ferlini C, Riccardi R. Int J Cancer. 2008 Dec 15;123(12):2939-49.

7) Atypical retinoids ST1926 and CD437 are S-phase-specific agents causing DNA double-strand breaks: significance for the cytotoxic and antiproliferative activity. Valli C, Paroni G, Di Francesco AM, Riccardi R, Tavecchio M, Erba E, Boldetti A, Gianni' M, Fratelli M, Pisano C, Merlini L, Antoccia A, Cenciarelli C, Terao M, Garattini E. Mol Cancer Ther. 2008 Sep;7(9):2941-54.