• banner_04.jpg
  • banner_06.jpg
  • banner_05.jpg
  • banner_02.jpg
  • banner_08.jpg
  • banner_11.jpg
  • banner_01.jpg
  • banner_09.jpg
  • banner_10.jpg
  • banner_07.jpg
  • banner_12.jpg
  • banner_03.jpg
 

Farmaci

In un campo come l'oncologia pediatrica, la ricerca è uno strumento fondamentale per garantire dei progressi nella cura di ogni bambino.

Il nostro Centro ha tra i suoi obiettivi prioritari l'utilizzo e la sperimentazione, nel pieno rispetto del bambino malato e della sua famiglia, di farmaci innovativi per il trattamento delle patologie oncologiche.

Lo scopo è cercare di evitare che sia il paziente a raggiungere costosi Centri all'Estero per utilizzare un farmaco nuovo, ma che possa disporre di quel farmaco in un Centro italiano, ed attuare gli identici protocolli terapeutici effettuati in America o nel Nord Europa senza sradicare il bambino dai suoi affetti e dal suo ambiente quotidiano.

Il prof. Riccardo Riccardi, oncologo pediatra e direttore del Centro, ha trascorso oltre tre anni presso il National Cancer Institute (Bethersda, USA).

E' considerato a livello internazionale un esperto della farmacologia clinica dei farmaci antitumorali ed è membro di importanti commissioni mediche, nazionali ed internazionali (l'Educational Committee della SIOP-Europe, la FDA and EMEA Task Force for New Agents in Pediatric Oncology, membro del gruppo europeo Innovative Therapies for Children with Cancer -ITCC, chairman della Commissione di Farmacovigilanza e Nuovi farmaci dell'AIEOP-Associazione Italiana Ematologia ed Oncologia Pediatrica.

Protocolli di studio

Studio clinico di Tarceva (Erlotinib idrocloride, OSI-774) come agente singolo in bambini affetti da tumori cerebrali maligni resistenti o recidivati e in combinazione con irradiazione in gliomi del tronco cerebrale alla diagnosi.

Studio di fase 2 con gemcitabina in combinazione con oxaliplatino nei tumori solidi pediatrici refrattari recidivati

Studio di fase 2, a singolo braccio, della combinazione di Irinotecan e Temozolomide in bambini con medulloblastoma recidivante o refrattario e in bambini con glioma ad alto grado di nuova diagnosi

Studio di fase 2 con braccio singolo di Temozolomide in combinazione con Topotecan nel neuroblastoma resistente o in recidiva e altri tumori solidi pediatrici.

Studio farmacocinetico di fase II per la valutazione della dipendenza dall’età della clearance della doxorubicina in pazienti pediatrici con tumori solidi o leucemia

Terapia combinata chemio e 131 I MIBG nel trattamento di pazienti con neuroblastoma resistente o in recidiva (I-METCH)

Temozolomide e Etoposide orale in bambini e giovani adulti con PNET/medulloblastoma e tumori gliali refrattari o recidivati fase I

Rabdomiosarcoma non metastatico prot. RMS 2005 sarcomi non rabdo localizzati prot. NRST 2005

Studio cooperativo multicentrico sui glimi a basso grado dell’eta’ pediatrica prot. SIOP LGG 2004

Vaccinazione anti influenza A H1N1 in pazienti pediatrici affetti da neoplasia

Midazolam intranasale somministrato tramite MAD (Mucosal Atomizer Device) per dolore da procedura in pazienti pediatrici

Effetti neurali della somministrazione topica di Nerve Growth Factor (NGF) in pazienti con deficits visivi indotti dai gliomi ottici

Linee guida per il trattamento dei pazienti affetti da neuroblastoma localizzato operabile (SIOP LNESG2)

Buprenorfina trans dermica in pazienti pediatrici con dolore oncologico

La Divisione di Oncologia Pediatrica e’ inoltre coinvolta nei protocolli di studio promossi e seguiti dai centri che fanno parte della rete nazionale AIEOP (Associazione Italiana di Ematologia e Oncologia Pediatrica).